02/05/16

Artisti di strada: Moses, armonica beatbox travolgente




Moses armonica  su "Arte Nascosta"


 "Ho visto questo ragazzo fuori  dalla stazione della metropolitana di Hammersmith oggi. E' il migliore "Beatboxing di armonica a bocca" che abbia mai visto! Il suo nome è Moses Concas ed è disponibile per suonare in club, bar, eventi e matrimoni" 
( un passante londinese, l'autore di questo video)

 


*§* 



Diventerà  sicuramente famoso dopo la sua partecipazione ad Italia's Got Talent e sicuramente un mito per la carica che infonde suonando la sua armonica, sembra di ascoltare un'intera band con i mille suoni che escono dai suoi "strumenti" naturali e dalla forza della sua passione e talento.
Moses Concas ha affascinato i passanti, i clienti di club e bar ed ora, che è potuto arrivare ad un vasto pubblico, ci accompagnerà  certamente per molto tempo con il suo travolgente suono.



Coinvolge con le armonie ed i suoni di cui è autore, con il ritmo incessante, con la tecnica, con la sua voglia di suonare che contagia senza sosta e che riempie di emozioni indescrivibili ed anche molto semplici.

Come lui.




                Il suo sito 

Moses armonica su "Arte Nascosta"



          Il suo album   "Cannonau Spirit" 

Moses armonica su "Arte Nascosta"
 



Il suo "gesto", quello della mano destra mentre accompagna il ritmo, parla dolcemente, simula il suonare contemporaneamente anche la tastiera, interpreta ciò che c'è da dire, parla con Moses e quasi ti chiama ..



Moses armonica su "Arte Nascosta"


Moses, ti ho sentito, ascoltato, apprezzato ed immediatamente, istintivamente ed entusiasta, scelto come artista di talento.



*§*




02/08/14

Sculture di sabbia - Sand Art

 Ammirazione e stupore nel guardarle, senso di libertà e di filosofia di vita nel realizzarle, le sculture di sabbia sono una delle forme di arte emergenti.


Sand Art su Arte Nascosta 


Richiamano alla memoria  sia gesti della nostra infanzia qui sublimati da  talento straordinario, sia lavori scultorei affascinanti e sia i Mandala tibetani,  disegni realizzati in piano con sabbia colorata che, al termine del lungo lavoro di cesello, vengono spazzati via dopo poco tempo dai creatori stessi per ricordare la caducità di tutte le cose e la rinascita,  a significare il cosmo in tutte le sue parti quale forza distruttrice e contemporaneamente forza di vita.

Le sculture possono durare anche alcuni mesi se protette con vari accorgimenti e non è detto che si possano costruire soltanto in riva al mare.  Si utilizzano pochi e semplici attrezzi per lavorare la sabbia e ogni artista ha un suo attrezzo preferito.



Sand Art su Arte Nascosta 




Sand Art su Arte Nascosta




Sand Art su Arte Nascosta




Sand Art su Arte Nascosta
   



Sand Art su Arte Nascosta   Sand Art su Arte Nascosta







 Sand Art su Arte Nascosta





Oggi anche in Italia sta crescendo l'interesse per le sculture di sabbia e si alternano campionati, concorsi,  festival e mostre per queste meravigliose creazioni. Spesso vengono commissionate per lanci di prodotti ed eventi dal momento che attirano molto l'interesse e la curiosità delle persone.
Molti creatori di sculture di sabbia, iniziando per gioco e passione, ormai praticano questo come lavoro.




  

Fra le  manifestazioni  più importanti di sculture di sabbia in Italia :

Festival internazionale delle sculture di sabbia di Jesolo
Gara internazionale di sculture e castelli di sabbia a Cervia
 Arena d'Arte Baia Domizia
Meraviglie di Sabbia  a Marina di Pisticci  


Manifestazioni per il Presepe di sabbia 
a Jesolo, a Città di Castello, a Tricesimo( Udine), a Brisighella,  a Monte Porzio Catone (Roma),  
a Grado, a Cesena, a Rimini   


Inoltre da segnalare l'annuale Campionato del mondo di sculture e castelli di sabbia 
ad Harrison Hot Springs, Vancouver in Canada.
 



In Italia sta prendendo piede l'insegnamento dell'arte dello scolpire la sabbia;  in tal modo i giovani potranno  appassionarsi e proporci meraviglie.




Tim Handford, scultore di sabbia e artista visivo britannico




Il Boss della sabbia: spettacolo sulle spiagge USA su Sky





Antonio Iannini : "Lavoro soprattutto con la sabbia perchè mi fa sentire libero."






*§*




Trovo che questa sia una pratica affascinante, da ammirare quanto da praticare; mi auguro che la Sand Art diventi una popolare e vivissima forma d'arte anche nel nostro Paese.










13/05/14

Enrico Ghelardi, sassofono e spiritualità.



Sassofonista, compositore di talento, leader di gruppo musicale,  insegnante di musica, polistrumentista  (sax, clarinetto, clarinetto basso, flauto),  collaborazioni a concerti, ad eventi teatrali, a trasmissioni radiofoniche e televisive,  a produzioni discografiche,  scrittore di libri, insegnante yoga,  conduttore di incontri e seminari su yoga e spiritualità.

Un vero professionista della musica che imprime nel suo essere versatile profondità, espressività, sobrietà, senso umano. 

E.Ghelardi su Arte Nascosta _ sassofono e spiritualità
L'unione di due mondi, la musica e la pratica yoga, all'interno di grande professionalità.

Un'intensa passione  per la tradizione jazzistica e lo swing, Enrico, con le sue originali creazioni, vuole cercare una musica che sia fonte di piacere per chi l'ascolta; e ci riesce, componendo brani di un gusto elevato, raffinato, intenso, suonando in modo semplice ed autentico e circondandosi sempre di validissimi professionisti

Si esibisce come polistrumentista in diversi contesti, utilizzando l’intera gamma dei sassofoni, il clarinetto, il clarinetto basso ed il flauto.



Enrico Ghelardi - "I remember You", dall'album "Like the wind" , Barvin, 2010
Enrico Ghelardi - baritone sax, Massimo Pirone - trombone & bass trombone, Pierpaolo Principato - piano, Stefano Cantarano - bass, Massimiliano De Lucia - drums




Fra i  suoi personali  CD realizzati:
Enrico Ghelardi Boptet
Lost Love ( 2002)

The cool is hot (2004) 
My jazzin' soul  (2007)
Like the wind  (2010)
Thath's Time!  (2012)




Fra i suoi  libri pubblicati sul tema spirituale : 
"Conchiglie nella sabbia" (2011)  Aiutare a meglio comprendere la nostra vita ed a riflettere su di essa. La vita umana vista alla luce di una superiore consapevolezza spirituale, che ne illumina il senso e ne definisce meglio confini e prospettive, aiutando a sciogliere i nodi che la rendono problematica.
I rapporti d’amore e famigliari, le malattie, la dialettica tra materia e spirito, la paura della morte, la ricerca del successo, il rapporto con la sofferenza e la gioia.  Questi ed altri aspetti del nostro vivere sono affrontati con riflessioni che originano dalla pratica della meditazione e dall’influenza della filosofia yoga e della spiritualità orientale.
Il libro non vuole presentarsi come una erudita esposizione di concetti filosofici, ma come una indagine volutamente soggettiva ed appassionata su una antica tradizione di saggezza che tanto può insegnare ancora oggi, per vivere una quotidianità rischiarata da una maggiore consapevolezza
spirituale. 
"Le Parole dello Yoga" (2013)  In Occidente lo Yoga è conosciuto soprattutto come una disciplina che lavora sul corpo [...] Questo libro si muove in un’altra direzione, volendo illustrare, a partire da alcune parole-chiave, alcuni dei principali concetti filosofici che stanno alla base dello Yoga, e che fanno dello Yoga una disciplina teorica-pratica di sviluppo e di elevazione spirituale.  [...]
Lo sviluppo di una maggiore consapevolezza riguardo alla propria natura ed alla dimensione spirituale della propria esistenza, assieme all’apprendimento di tecniche appropriate di elevazione interiore, come la meditazione, possono essere di grande aiuto anche per l’uomo e la donna dei nostri giorni, al fine di navigare sulle acque ora calme, ora agitate, della propria esistenza con maggiore serenità, e di sviluppare una maggiore amorevolezza verso se stessi e verso il mondo che ci circonda.

E.Ghilardi musica e spiritualità











 *§*


 E' il piacere di suonare allo stato puro, con brani che affascinano già dal primo ascolto e con un'energia liberata dai musicisti che contagia e trascina irrimediabilmente come un fiume in piena. Di certo Ghelardi non ha la pretesa di rivoluzionare il linguaggio jazzistico, ma possiede talento, personalità ed una felice vena compositiva, sicure doti da leader. [...] 
Alessandro Carabelli 

Scrive Antonio Lanza del suo ultimo disco "Lost Love" :
  Qui di ibrido non c'è proprio nulla: ci sono al contrario una fertile vena compositiva nei brani originali, un gusto sopraffino nell'interpretazione degli standard, una schietta creatività nell'improvvisazione, un non comune senso del blues, perfettamente assimilato, misura, buon gusto, classe e soprattutto swing a iosa. E' così che si deve suonare il jazz: con umiltà, passione, professionalità e grande maestria tecnica, qualità che i membri di questo quartetto possiedono largamente.
Antonio Lanza  (Università La Sapienza, Roma)
 Il sassofonista pisano si muove in contesti di estrazione cool nel solco tracciato da questi grandi musicisti [Serge Chaloff, Cecil Payne e Gerry Mulligan] , con una pronuncia distintiva dello swing innato che ne determina l'originalità anche in campo compositivo. I timbri gravi e spessi dei fiati creano un fronte sonoro voluminoso, con la percezione di trovarsi al cospetto di una grande orchestra
 (ADV  su  JAZZIT Magazine  del 2013)        

Linguaggio classico che esprime la sua modernità con un sound sobrio ed equilibrato.
Federico Angelaccio        


*§*




La pratica spirituale ha in qualche modo influenzato anche la pratica musicale per cui, pur restando attivi i progetti più propriamente jazzistici, di matrice swing e bop, a questi si è affiancato un nuovo progetto musicale, lo Shanti Projet, dove l’uso delle tabla indiane e di armonie modali persegue l’obbiettivo di riunire le suggestioni dei due mondi.






Immagino il mondo musicale come un grande prato con fiori e piante dai molti colori e dalle diverse dimensioni. I fiori non competono tra loro, non invidiano i colori degli altri; solo si prodigano per contribuire con la loro piccola o grande presenza alla bellezza del prato, che è parte della bellezza dell'universo.   +
In quel prato porto il mio piccolo fiore, con i suoi specifici colori, felici di sapere che tutto ciò che trae origine dalla sincerità e dall'amore, contribuisce a diffondere armonia e benessere.   
 
Enrico Ghelardi         





Passione per i modelli passati e originalità nella composizione, Enrico riassume in sè molte qualità umane e professionali fra cui, non ultima, l'umiltà, dote incredibilmente apprezzabile in un artista.


Mi emoziona la dolcezza di questo brano nell'interpretazione ed arrangiamento di Enrico

                                                  






Il sito di Enrico Ghelardi 
dove poter approfondire  e seguire le date di concerti, seminari, incontri e appuntamenti. 

E.Ghelardi su Arte Nascosta




 *§*






   E' stato per me onore e piacere aver  richiamato l'attenzione su Enrico, 
non soltanto per la professionalità che lo distingue ma anche per 
la sua aderenza con il mio pensiero ed orientamento nel  considerare il lavoro artistico, 
un concetto secondo il quale è indispensabile fare arte, creare, lavorare, produrre  
con modalità che attivino le nostre e le altrui risorse umane interiori, spirituali, creative ed emozionali 
rendendole  produttive per la crescita personale e collettiva. 


E. Ghelardi musicista su Arte Nascosta





*§*





13/04/14

Video raccolta di forme espressive



Arte Nascosta perchè .. 

"Per artisti intendo tutti coloro che provano il bisogno e la necessità di sentirsi vivere e crescere"  
(Hermann Hesse)
 

Prima video rassegna Arte Nascosta - Tutte le forme espressive


Ho voluto chiudere questo primo ciclo degli articoli postati in questo sito,  con la  realizzazione di un  video, un veloce riassunto frutto della ricerca e del  lavoro svolto finora.



Prima rassegna degli artisti inseriti fino ad ora nel sito

Arte Nascosta ,

una  "piccola enciclopedia web" di talenti creativi che propongo cercando in qualsiasi forma espressiva (dal funambolo al cartoonist, dalla musica alla scultura cinetica, dall'artigianato alla prosa, alla danza, alla fotografia digitale, a chi propone opere e prodotti artistici eseguiti con materiali tra i più diversi.....),

 
http://www.youtube.com/watch?v=gjtBzABdcvY&feature=share&list=PLF5BA6EF81CA2DCA7&index=2
 

in tutti i campi della creatività,
in quell'arte socialmente utile,
in chi offre realizzazioni singolari , o di rottura, o capacità di profonda interpretazione, oppure semplice passione attraverso la quale riesca non soltanto a creare ma ad "aggiungere valore",
ed infine
in quell'arte non pubblicizzata o quella chiusa nei laboratori, negli studi, nelle soffitte, per strada, nella prigione dell'anonimato, quella non sostenuta da persone, riviste o organizzazioni leader.


perchè .......
"Creare è dare una forma al proprio destino."   
(Albert Camus)

 

 

In questa prima video raccolta :


Alfredo Troisi -- Pittura, foto d'arte, digigrafie
Arrested Motion - sito Arte Contemporanea Street/UrbanPop art
Arte dalle mani -- graffiti,sabbia,ombre,dipinti su mani,murales
Arte della Carta - Opere dal sito"Tutta la carta del mondo"
Brett Dickins - Scultura cinetica
Brunella Selo -- Canto,Musica
CeciGian - Cartoonist
Coscienzionismo nell'Arte -- Corrente artistica-Arteterapia
Crissi Piras -- Pittura
Daniele Silvestrini -- Creazioni con fibre naturali
Danzaterapia
Dionisio Ferrari -- Intaglio ligneo,artigianato,restauro apparecchiature musicali
Domenico Dell'Osso -- Pittura
Elisabetta Pieroni -- Ceramica refrattaria, Trompe- l'oeil
Emma Dante -- Teatro , Regia
Enrico Franco Amoroso - Poesia
Federica Petri -- Pittura
Franco Goffredo -- Pittura, scultura,artigianato
Gabriella Costa -- Arteterapia
Gabriella Mangini -- Artigianato,decorazione - restauro ligneo
Giulia Artico -- Sculture di fieno
Ignazio Grande - Artista di strada, funambolo
Isabella Scarpato -- Pittura
L'Arte della solidarietà -- Iniziative arte/società
Le fate sono morte -- Musica pop
Mara Lorenzini -- Pittura
Marco Siliberti -- Fotografia digitale
Marina Rossi Marcelli -- Prosa, poesia
Mike Celona -- Video Art
Phalbo - Cartoonist , Filmati animazione , Grafic design
Potsy e Plastic Food Project -- Land Art, ecologia
Simona Atzori -- Danza, handicap produttivo
Simone Stella -- Musica classica

Altri siti di Gabriella Mangini :
"Artmakers"
Canale YouTube "G.M.Arte Nascosta" 
Pagina Google+  "Arte Nascosta" e galleria immagini arte e artigianato
"Andare Oltre" 
"Arte Nascosta"
"Coscienzionismo nell'Arte"

Altri video da G.M.Arte Nascosta :  Playlist "I Video di Arte Nascosta" 





*§*



.. e si va a riprendere il cammino  verso forme espressive fra le più svariate, strane o consuete, ricche di passione e di fermento, inesplorate, personalissime, gioiose o disperate, nascoste o già affermate, ....;  meravigliose forme di creatività.



perchè ......
 

"Cercare adagio, umilmente, costantemente di esprimere, di tornare a spremere dalla terra bruta o da ciò ch'essa genera, dai suoni, dalle forme e dai colori, che sono le porte della prigione della nostra anima, un'immagine di quella bellezza che siamo giunti a comprendere: questo è l'arte."
 (James Joyce)



*§*


15/03/14

Les Beaux Frères, umorismo ed acrobazie artistiche


Precisione di esecuzione, simpatia, destrezza, ironia, humor, creatività e arte pura ! 




Si tratta del duo comico Les Beaux Frères.  
Giocolieri, artisti di strada, cabarettisti, esperti nell'arte circense, ricchi di energia ed entusiasmo contagioso. Una danza per l'umore e per gli occhi, praticamente!

 
***
Les Beaux Frères
Les Beaux Frères
Les Beaux Frères

 Oggi conosciuti sul web grazie a questa esilarante e geniale performance di  French Comedy Routine



Saper far ridere e sorridere con questa eleganza,  generare stupore ed ammirazione  traendo spunto dal tema del nudo che al contrario generalmente viene così malamente affrontato e proposto nel campo dello spettacolo, è un piacere per gli occhi e per la nostra sensibilità artistica la quale, anche nel varietà e nell'intrattenimento,  gradirebbe usufruire di momenti di raffinato godimento. 

***

Hanno lavorato presso il Cirque du Soleil e sicuramente il loro talento si espanderà verso ulteriori orizzonti. 
Il corpo danza letteralmente durante le evoluzioni difficilissime eseguite con uno spirito carico di accattivante, contagiosa, energetica ironia e simpatia. 

Potete anche voi godere del  lavoro e della  simpatia  de   
 Les Beaux Frères 
visitando il loro sito 


*§*



Yohann et Raphaël mi hanno  letteralmente conquistata ! :)





 Les Beaux Frères





 *§*





10/12/13

Pop surrealismo italiano. Domenico Dell'Osso



 

 Artista in continuo fermento, attualissimo, solare ed ironico che utilizza simbolismi e colorate allegorie unendo, nelle sue opere, il mondo dell'inconscio alle problematiche della collettività in forma fantastica e fumettistica ottenendo e restituendo a noi il risultato di una personalissima atmosfera in cui ci si può riconoscere ed anche sentire soli ma nello stesso tempo immersi, sorridendo ironicamente, nelle piccole e grandi problematiche della vita, un tutt'uno con il mondo circostante, con la collettività e con la natura. 
 
D. Dell'Osso
 

 Nato tra la Puglia e la Basilicata, vive a Milano;  presenta le sue originali creazioni  in diverse mostre d'arte sia a livello nazionale che internazionale sempre con forte interesse da parte del pubblico e della stampa.



Domenico Dell'Osso
Opera FINALISTA al PREMIO CERES - SECONDO CLASSIFICATO 
sia per la giuria che per il web - "No war, more beer"
2011 Acrilico su tela, cm. 100x150


La forza d’animo dell’uomo
"…A proposito di ironia sofisticata dobbiamo parlare di Domenico Dell’Osso. Pittore eccellente. Vincitore di numerosi premi: premio Arte Mondadori 2007, Premio Celeste 2008, premio speciale Arte laguna 2011. Il suo lavoro è passato da un primo periodo di analisi personale a una fase di introspettiva incentrata sul collettivo e l’attualità. Le atmosfere dei suoi quadri sono surreali, fumettistiche, piene di particolari ironici, a volte anche esilaranti. L’opera esposta in questa collettiva ha una composizione naturalistica quasi antica, la pennellata lenta e precisa dei maestri di una volta, ma un linguaggio assolutamente contemporaneo. Una immagine che crea stupore, curiosità e apre la mente verso nuovi ragionamenti sul mondo e il suo attuale sovvertimento. Il pensiero magico di Domenico Dell’Osso è la forza d’animo dell’uomo…"
( Autore: Yvonne . Recensione tratta dal catalogo della personale a Vicenza nel 2011)



Dell'Osso


"Il messaggio che cerco di dare tramite le mie opere è che qualsiasi situazione (anche negativa) se viene affrontata con ironia, tenacia e forza d’animo, porta ad una maggiore consapevolezza di quanto la vita sia una cosa stupenda". 


 
“Basterebbe solo limitarsi a vivere per vivere meglio - Sisifo”, 
 07/12/2007 su disegno del 10/2007, acrilico su tela, cm. 120x100



Autobiografia è un sogno pop
Recensione a cura di: Alessandra Redaelli (Arte Mondadori) 

Dell'Osso isola il suo alter ego sopra un iceberg. O nella giungla...
Nato nel 1975 a Taranto, vincitore della Targa d'oro per la pittura all'ultimo Premio Arte, Domenico Dell'Osso fa una pittura complessa, dove atmosfere surreali si mescolano a iconografie di sapore fumettistico e pop, dove spunti grotteschi e fantasie infantili si fondono in paesaggi alla Saint-Exupèry. Solo contro una natura impervia, un uomo lotta per la sopravvivenza seduto sulla cima di un iceberg, oppure (..)
 
 


Domenico Dell'Osso
Opera della COLLEZIONE PRIVATA dell'Artista -  
"E Dio fece: carte a lungo, carte a denari, sette bello e la settanta", 
14/06/2011, Acrilico su tela 215x85.




 

Uno dei più puri ed interessanti esempi di penetrazione della cultura pop surrealist nel panorama artistico italiano
Giudizio critico a cura di: Igor Zanti pubblicato sul catalogo Ceres4Art 2011

"La pittura di Domenico Dell’Osso è uno dei più puri ed interessanti esempi di penetrazione della cultura pop surrealist nel panorama artistico italiano. Ci si rende conto, osservando il suo percorso, come Dell’Osso sia giunto ad una sintesi che l’avvicina molto alle esperienze low brow tipiche di una certa tendenza dell’arte statunitense, prendendo il via da una dimensione puramente italiana. Una sontuosa e ricercata materia pittorica, avvalorata da un uso sapiente dell’ olio che ritrova le sue radici e crea strettissime connessioni con la tradizione della pittura classica, si unisce ad un tessuto iconografico che presenta tutti gli elementi tipici del pop surrealism americano. Le tele di Domenico Dell’Osso sono, infatti, permeate da una costante ricerca di magici non sense, calate in una dimensione di surreale straniamento e caratterizzate dalla presenza di personaggi ed elementi feticcio. L’omino solitario-di evidente ispirazione autobiografica- le balene dai tratti infantili, le rocce o il mare- quasi sempre in tempesta- il cielo plumbeo e minaccioso, sono costanti della poetica pittorica della’artista e si ripropongono con ciclicità nelle sue opere, quasi a delineare un percorso che si basa su rimandi velati che tendono a definire una dimensione narrativa complessa e articolata. "


D. Dell'Osso


Dell'Osso capostipite dei pop surrealisti italiani
Parte dell'articolo a cura di: Igor Zanti, pubblicato a Marzo 2011 sulla rivista Inside Art
Il più occidentale dei linguaggi neopop è debitore della dimensione simbolista. SURREALISMO O SIMBOLISMO?

"..  Domenico Dell’Osso, per esempio, da anni produce una pittura dove tutti gli elementi classici del pop surrealismo sono presenti a tal punto da poterlo definire il capostipite dei pop surrealisti italiani…"

recensioni tratte dalla pagina "Testi" del sito di Domenico Dell'Osso 


 
Domenico su Youtube: www.youtube.com/dellosso1




 
 Per conoscere meglio Domenico Dell'Osso,   puoi visitare il suo sito  http://www.artisticontemporanei.com/




Dell'Osso


" ...sempre più incline a non dover conoscere le sue idee per la pittura ma la pittura per ottenere le sue idee ." 



Letteralmente  fantas-tico  !




*§*



07/09/13

Le sculture di fieno di Julia Artico



Sensazione di serenità, atmosfere naturali, influssi di ambientazioni boschive, veder rivivere in un nuovo contesto pezzi di natura raccolti, senso di tranquillità , sentirsi trasportati in una dimensione favolistica,... 
queste alcune delle emozioni che vengono destate in noi dai suoi lavori. 


Sculture di Julia Artico




Un violoncello di Fieno per Giovanni Sollima, creato da Julia e da lui suonato in occasione della festa del 1° Maggio 2013 al Teatro Valle di Roma.


"Ho incontrato Julia un giorno di marzo di alcuni anni fa.... 
Andammo tutti nel bosco, quella mattina, a raccogliere pezzi di natura, e forse della nostre vite. 
L’arte, nelle sue infinite forme, inizia sempre così, raccogliendo pezzi del mondo e costruendo nostre rappresentazioni. Ora che sono passati alcuni anni, vedo che Julia continua a raccogliere, non solo nel bosco,  frammenti di poesia e di invenzione che appartengono indifferentemente alla natura e alla cultura, insegnando ai bambini (e ai loro genitori o parenti) durante i suoi laboratori-di-tutto, che natura e cultura sono inestricabilmente legati nel percorso della vita." 




"Ecco l’invenzione:
trovare nuovi nomi (e diverse fantasie) per le cose di sempre."





L'attività di Julia comprende, oltre all'attività creativa di sculture di fieno, oggetti decorativi, land art, complementi e giochi di società, 
la realizzazione 
di allestimenti fieristici, di laboratori per l’ infanzia e per gli adulti  di didattica manuale  
(legno, ferro, argilla, fieno, affresco,presepi), 
laboratori di recupero di antichi saperi 
( giochi antichi, educazione alla terra, mappe di comunità, percorsi manuali a tema...) 
e laboratori del riciclo di materiali comuni. 





Sculture di fieno realizzate da Julia Artico. Musica: "Sogno ad occhi aperti" di Giovanni Sollima. Video realizzato da Uponadream



"Julia sostiene di non aver mai smesso di ascoltare il bosco che, a tuttoggi, le fornisce tanto la materia prima per la sua opera quanto un amore incondizionato "




Il suo sito per conoscerla meglio






°§° 









*§*


Testi di  Cristina Fedrigo estratti dal sito di Julia 



*§*